Ester Campese nel cuore della Grande Mela - New York City - Campey
7546
single,single-post,postid-7546,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-2.8,wpb-js-composer js-comp-ver-4.5.3,vc_responsive
 

Blog

Ester Campese

Ester Campese nel cuore della Grande Mela – New York City

  |   Art   |   No comment

La nota pittrice Ester Campese è tra gli artisti che espongo alla prestigiosa mostra nel cuore della Grande Mela “Spoleto Arte incontra New York”, con una forte risonanza mediatica per questa mostra internazionale, dal titolo emblematico che porterà Campey tra gli artisti contemporanei in esposizione presso il rinomato Hotel Michelangelo, 152 W 51st St, nel cuore della metropoli americana.

Il vernissage previsto il 18 marzo 2017 vede l’esposizione di una raccolta di opere di artisti italiani e stranieri di fama accanto a quelle di artisti meno conosciuti, ma altrettanto interessanti e meritevoli di considerazione. La mostra è all’insegna dello spirito cosmopolita e della voglia di diffondere a largo raggio l’arte e la cultura e di metterle a disposizione di tutti, senza distinzione di razza e nazionalità. New York è infatti molto adatta ad accogliere questo tipo di eventi.

Presentazione standard2

Emozionata Ester Campese partecipa a questa mostra, accompagnata come sempre dal suo mentore Riccardo Bramante.

Riccardo Bramante

Riccardo Bramante

In questo caso l’opera in mostra è “Mattiw” un quadro dedicata al nipote dell’artista che con questo omaggio si scosta dal consueto mondo femminile che contraddistingue la nota pittrice, procedendo comunque nel suo percorso di ricerca e di evoluzione artistico e personale.

Mattiw opera di Ester Campese

Mattiw opera di Ester Campese

Anche la dottoressa Elena Gollini critica d`Arte e giornalista sottolinea questo aspetto di ricerca della pittrice Ester Campese, dedicandole in occasione una critica in cui indica come le opere stesse realizzate da questa pittrice parlano e dialogano stabilendo un dialogo con la sfera interiore e spirituale di ogni spettatore. Campey, compresa bene dalla dott.ssa Gollini, percepisce il suo fare arte come una vocazione, per coinvolgere e proprio metterla a disposizione degli altri.

E.C.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.